L’oro, barbaro, pesante, futile nella luce diffusa del giorno, con la luce tremolante di una lampada e di una candela si ravviva, perché sfavilla di miriadi di scintille, ora qui ora là, facendo presentire altre luci non terrestri che riempiono lo spazio celeste.

Pavel Florenskij

IMG_7209.JPG

Annunci